Venice History
página de entrada a Venecia
FAST FIND
Birth of Venice

History of Venice

In Venice, along the Year
..................
Venice History, Notes on
Venice History, search
...
VENECIA, 17 09 1348:   Approfittando della peste che affligge la Serenissima gli abitanti di Capod --->>
Venice Map 1525 Luigi Gigio Zanon

Visita la Biblioteca di Storia di Venezia su VeneziaDoc.net!

This Almanac about Venice History

comes from years of research in the Frari Archives, in the Marciana Library and in Correr Museum.
Between old shelves, turning the pages of ancient Buste, Raspe, Commentarii, I could taste the emotion of touching manuscripts, with signatures and seals of Procuratori, Dogi, Condottieres...
I transcribed the many interesting things I have discovered part on books, others on slide-shows, others more are just laying as simple notes on my personal archives.

Luigi "Gigio" Zanon

Venice History, Notes on 24 August
<span style="font-size:12px; font-weight:normal;">previous day</span> previous day     next day <span style="font-size:12px; font-weight:normal;">next day</span>

24 August 847
Gli Imperatori Lotario e Lodovico riconfermano Venezia nei beni concessi da Re Pipino a Verona e a Bardolino.
24 August 1251
A seguito delle lagnanze degli Zaratini viene loro concessa la piena equiparazione ai Veneziani in materia di dazi.
24 August 1402
Re Ladislao di Napoli, dietro compenso di trentamila ducati, cede il patrimonio ereditario di CorfĂ€ą ai Veneziani, che avevano riconquistato militarmente l'Isola nel 1386.
24 August 1412
Ă‚­Grande scontro con gli Ungheri sul fiume Livenza, presso Motta.
Malgrado sia accorso NicolĂ€˛ Barbarigo con tre galee, venti ganzaruoli e altre cinquanta barche, in un primo momento sembra che le sorti della battaglia arridano agli UnĂ‚­gheri. PerĂ€˛ per merito di Pietro Loredan e Carlo MalateĂ‚­sta che trattengono e rincuorano le truppe, i nostri tornano all'assalto e sconfiggono gli avversari che, inseguiti fino a PortobuffolĂ€¨, perdono le insegne e lasciano un gran numero di prigionieri.
24 August 1595
Crolla improvvisamente il campanile di San Leonardo in Cannaregio, fracassando parte della chiesa con dodici case adiacenti e uccidendo dieci persone.
24 August 1609
Dall'alto del campanile di San Marco, Galileo Galilei prova il cannocchiale ch'egli dichiara di avere appena scoperto.
I Senatori veneti fanno a gara nel chiedere spiegazioni sull'uso dello strumento, non si stancano di guardare attraverso le lenti, si meravigliano di vedere cosi da vicino Chioggia, TreĂ‚­viso, Conegliano e altri paesi. PiĂ€ą tardi, recatosi in Palazzo Ducale, lo scienziato farĂ€  atto di donazione a Venezia del primo cannocchiale.

N.d.E. Oltre all'esemplare donato, il Galilei ne vendette numerosi altri al prezzo esorbitante che una tale originale invenzione meritava. Questo fatto potrebbe avere notevole parte nella facilitĂ€  con cui i Veneziani, anni dopo, consegnarono Galilei al braccio secolare della Chiesa.
Essi potrebbero aver scoperto, infatti, che il cannocchiale non era affatto una sua originale invenzione, ma un oggetto che egli aveva visto in uso presso gli Olandesi e importato o copiato con qualche modifica per poi rivenderlo agli ignari Veneziani ad alcune volte il suo prezzo commerciale.
24 August 1722
Al primo scrutinio Alvise III Mocenigo viene eletto Doge, all' etĂ€  di cinquantacinque anni.
Il suo sarĂ€  un Dogado tranquillo durante il quale, tra l'altro, sarĂ€  lastricata Piazza San Marco, riparati la chiesa e il campanile, illuminata l'intera cittĂ€  e rinnovaĂ‚­to il Bucintoro.
24 August 1737
Bernardino Zendrino riferisce al Senato sui lavori di reĂ‚­stauro che sta effettuando nel campanile di San Marco, chiaĂ‚­mato affettuosamente dalla popolazione el paron de caxa.
24 August 1847
La Polizia austriaca di Padova Ă€¨ in stato d'allarme. Gli studenti sembrano impazziti: sono tutti presi da frenetico amore per la stessa donna. A lei sono dedicate poesie e canzoni, invocazioni e sospiri.
La sublime creatura, a cui tutti vorrebbero porre sul capo una corona trionĂ‚­fale, Ă€¨ una schiava: Atilia, donna d'altrui Ă€¨ figura simĂ‚­bolica ispirata da una poesia di Giovanni Prati, nella quale Ă€¨ facile ravvisare l'Italia occupata dallo straniero.
L'ImĂ‚­perial Regio Censore, seccato di vedersi prendere per il naso cosĂ€¬ scopertamente, dichiara: "Ma che diavolo, sono tutti innamorati di codesta Atilia? O che non ci sono altre donne a Padova? Insomma... poesie ad Atilia non ne permetto piĂ€ą. Per la morale! Che cĂ€ mbino la morosa!"ť.

Visita la Biblioteca di Storia di Venezia su VeneziaDoc.net!

Venice Photos and hundreds other photos of various subjects in the Image Bank of venice eXplorer .net

TOP