Nascita di Venezia

Storia di Venezia

English Text
Correva a Venezia l'anno
..................
Storia di Venezia, il giorno
Storia di Venezia, ricerca
...
VENEZIA, 23 02 840:   Sotto il Doge Pietro Tradonico, nel trattato di Pavia l'Imperatore Lotario --->>
Venice Map 1525 Luigi Gigio Zanon

Visita la Biblioteca di Storia di Venezia su VeneziaDoc.net!

Questa rubrica sulla Storia di Venezia e del Veneto

è frutto di anni di ricerche negli Archivi dei Frari, alla Marciana e al Correr.
Fra gli antichi scaffali, nello scartabellare antiche Buste, Raspe, Commentarii, ho avuto modo di assaporare l'emozione del toccare manoscritti vecchi di secoli, con firme e sigilli di Procuratori, Dogi, Condottieri...
Ho scoperto cose interessanti che ho trascritto in parte su libri, altre le ho inserite in diapo-film, altre ancora sono ferme allo stato di semplici annotazioni nei miei archivi personali.

Luigi "Gigio" Zanon

Storia di Venezia, il giorno 10 novembre
<span style="font-size:12px; font-weight:normal;">giorno precedente</span> giorno precedente     giorno seguente <span style="font-size:12px; font-weight:normal;">giorno seguente</span>

10 novembre 1202
Al comando del Doge Enrico Dandolo la flotta Crociata giunge sotto le mura ai Zara.
Infatti, in cambio del trasporto, i Crociati si erano impegnati tra l'altro a riconquistare la città  che si era ribellata a Venezia.
Dopo cinque giorni di combattimento Zara si arrende, gli abitanti hanno salva la vita ma le case vengono saccheggiate e il bottino diviso fra i conquistatori.
Il 7 aprile seguente la flotta riparte alla volta di Costantinopoli.
10 novembre 1354
Gli Avogadori da Comun propongono alla Quarantia che si proceda contro i giovani patrizi Micaletto Steno, Pietro Bollani, Rizzardo Marioni, Moretto Zorzi, Micaletto da Molin e Maffeo Morosini, in quanto autori di scritte turpi e disoneste nella sala dei Camini del Doge Marin Faliero.
10 novembre 1438
Viene firmato il contratto con Zuane e Bartolomeo Bon, padre e figlio, incaricati di scolpire la porta della Carta in Palazzo Ducale.
I due scultori, che si sottoscrivono modestamente chatajapiera (che tagliano la pietra), s'impegnano a compiere l'opera entro 18 mesi.
Chiamata un tempo "Porta dorata" perché le sculture e le decorazioni erano ricoperte da un pulviscolo d'oro, prese più tardi il nome di "Porta della Carta" dagli adiacenti archivi ducali (cartarum) e dagli scrivani che ivi stanziavano e a disposizione del Popolo per ogni pratica.
Si sa per certo che nel 1441 non era ancora terminata e, fatto strano, sull'architrave compare solo il nome del figlio opus Bartholomei, ossia "opera di Bartolomeo".
10 novembre 1446
Muore a Venezia il poeta Leonardo Giustinian. La sua fama è legata in particolare alle "Canzonette" in volgare, di cui scrisse anche l'accompagnamento musicale, ora perduto.
Di tipo popolaresco ma di gusto raffinatissimo, facili e orecchiabili, le "Canzonette" diedero il primo autentico avvio a questo genere poetico-musicale, producendo poi imitatori a non finire. Sono anche dette "Giustinianee" dal suo nome.
10 novembre 1459
Dalle "Cronache" del Malipiero:
... a 10 di novembre è sta fatto tre Conservadori della Sanità  dei primi dela terra per un anno e più fin che sarà  eletto i successori, con libertà  de spender dei danari del sal quanto ghe parerà .
È l'istituzione del Magistrato della Sanità .
10 novembre 1525
Il Consiglio dei Dieci condanna alla forca Cristoforo da Crema.
Costui era stato incaricato dagli Scaligeri di fomentare disordini in Verona affinchè gli stessi Scaligeri potessero rientrarne in possesso ma, denunciato ai Rettori della città , venne arrestato e portato a Venezia.
10 novembre 1541
Collocata a Rialto la "Pietra del Bando", ben presto battezzata dal popolino "la statua del gobbo" per la cariatide che sostiene la piattaforma dove salgono i banditori del Comune.
10 novembre 1774
Per gelosia di mestiere Zuane Saponello, becher (macellaio) a San Geremia, infligge varie coltellate al collega Francesco Rizzo detto "Ciompo" che si dà  alla fuga nella calle del Ridotto gridando: "Oh Dio son morto!". Infatti giunto alla farmacia in salizada San Moisè esala l'ultimo respiro.
Il 10 settembre dell'anno successivo Saponello viene bandito da Venezia.
10 novembre 1827
Nasce a Venezia Paulo Pambri: ingegnere, giornalista, commediografo, spadaccino (sostenne più di trenta duelli), uomo politico e patriota, veniva chiamato l' "Ercole della spada e della penna".
Di statura gigantesca, nonché dotato di forza spaventosa, si dice abbia abbattuto con un paio di pugni una pariglia di cavalli imbizzarriti.
Il Carducci, cui non era simpatico, lo definì in una satira come "il grosso Voltaire delle lagune".
Giovanissimo, partecipa alla Difesa di Venezia e alla liberazione di Daniele Manin abbattendo la porta del carcere con una spallata; come ufficiale d'artigliera si batté da par suo sugli spalti di Marghera.
Insieme con Ruggero Bonghi fonda "La Stampa" di Torino, e sostiene, attirandosi molte inimicizie, il trasferimento della capitale a Roma. Autore di molte opere per il teatro, scrisse anche la farsa "Il caporale di Settimana", satira di alcuni aspetti della vita militare, rappresentata con vivissimo successo e applaudita da tutte le platee d'Italia soprattutto per la frase divenuta proverbiale: "I superiori hanno sempre ragione, specialmente quando hanno torto".

Visita la Biblioteca di Storia di Venezia su VeneziaDoc.net!

Foto di Venezia e centinaia di vari altri Soggetti nella Banca Immagini di venice eXplorer .net

TOP